Progetti e Ricerche

logo Federazione Italiana della CacciaLogo F.A.C.E.
28 Luglio 2017

Benvenuti in Federcaccia Online

BECCACCIA: PROGETTO SCOLPAX OVERLAND 2012 - "IO VOLO CON LEI"
< indietro



CLICCA QUI PER SEGUIRE IN TEMPO REALE IL VIAGGIO DELLE BECCACCE 

 

2012 - PROGETTO "IO VOLO CON LEI"

INFO:

Associazione "Amici di scolopax" tel  333 - 4252961

Ufficio Avifauna Migratoria Fidc tel. 06 844094207 - 06 844094204 / mail avifaunasegreteria@fidc.it

 

SCOLOPAX OVERLAND (Progetto Murkerich) - "IO VOLO CON LEI"

Amici di Scolopax in quanto Associazione non lucrativa di utilità sociale avente come oggetto sociale lo studio e la ricerca sulle abitudini della beccaccia (Scolopax rusticola) con particolare riferimento alla migrazione, si propone come attivo interlocutore per la messa in atto di iniziative progettuali avente come oggetto la beccaccia.

Nell‟ideale completamento programmatico e nel quadro di un pacchetto progettuale di studio e ricerche denominato Progetto Scolopax, propone unitamente ai progetti già attivi (Progetto ALIregALI - Progetto W.O.R.M. - Progetto TEMPOREALE - Scolopax Monitor Project) lo studio, l‟osservazione e l‟analisi della migrazione della beccaccia attraverso il monitoraggio satellitare, tale progettualità è denominata e di di seguito indicata come "SCOLOPAX OVERLAND (Progetto Murkerich)".

Lo stesso nasce dall‟esigenza di approfondire ed allargare gli studi e le ricerche sulla beccaccia destinate ad ottenere maggiori e più precise informazioni e riferimenti circa i movimenti migratori pre-nuziali e post-nuziali, la distribuzione, e gli erratismi. In buona sostanza quindi un ulteriore elemento di studio per una migliore conoscenza della specie finalizzato alla conservazione della Scolopax rusticola.

Il nome del programma "Scolopax Overland" nasce dalle precipue caratteristiche di questo affascinante uccello migratore che percorre ogni anno in lungo e largo i cieli del nostro continente, mentre il nome "Murkerich" è liberamente ispirato da una fiaba dello scrittore tedesco Hermann Loens che nel 1920 volle dedicare una immaginifica ed emozionante avventura di un maschio di beccaccia nei cieli d‟Europa.

Il progetto è finalizzato alla raccolta di risorse economiche da destinare al finanziamento delle attività di monitoraggio satellitare su base pluriennale di un congruo numero di beccacce in viaggio di migrazione verso (e dal) l‟areale di riproduzione. Destinatari del progetto sono tutte le realtà pubbliche e private deputate alla gestione, allo studio ed alla ricerca della fauna selvatica e comunque direttamente interessate all‟interno dell‟area cinegetica.

L‟orientamento peculiare delle attività previste dal progetto sono conformi alla Direttiva 79/409/CEE (Art.10) del Consiglio Europeo.

I fondi derivanti dalla raccolta saranno destinati all‟acquisto di trasmettitori satellitari ed alla copertura delle spese per la gestione dei canali satellitari riservati alla ricezione dei segnali inviati dagli uccelli equipaggiati e monitorati in transito sui territori europei.

PARTNERSHIP:

Il programma di lavoro tutto italiano è stato possibile grazie alle sinergie messe in campo tra Amici di Scolopax-onlus con l‟Università di Padova e con l‟Azienda della Regione Veneto "Veneto Agricoltura", con la collaborazione della F.I.D.C. e dell„Ufficio Avifauna Migratoria di Federcaccia e grazie al supporto di benevoli Enti ed Istituzioni.

L‟iniziativa è stata condivisa inoltre a livello internazionale con i colleghi spagnoli del Club Cazadores de Becada.



OBIETTIVO:

- Studio della migrazione della popolazione svernante in Italia.

- Definizione delle direttrici migratorie e distribuzione all‟interno degli areali di riproduzione.

- Studio delle attività nelle fasi pre-nuziali e post-nuziali,

- Studio degli erratismi

- Valutazione della fedeltà al territorio.

- Comparazione con gli studi degli isotopi stabili

DESTINATARI:

- REGIONI - PROVINCE - A.T.C. (Ambiti Territoriali di Caccia)

- ENTI - ASSOCIAZIONISMO VENATORIO - PRIVATI -

MODALITA':

Ogni uccello "sponsorizzato" sarà catturato da personale specializzato ed autorizzato e successivamente equipaggiato e rilasciato sullo stesso luogo concordato con lo sponsor patrocinante.

L‟uccello sarà "denominato" con la sigla e/o il nome concordato con il patrocinatore.


MATERIALI E METODI

Il progetto prevede l‟utilizzo della rete satellitare ARGOS.

L‟equipaggiamento degli uccelli destinati al monitoraggio consta di trasmettitori ad energia solare del peso di grammi 9,5.

Gli esemplari di beccacce sottoposto a studio saranno catturate e rilasciate negli stessi siti di riferimento e competenze delle Istituzioni, Enti, Associazioni e/o Aziende.

L‟uccello equipaggiato sarà denominato con la sigla e/o nome indicato dal "padrino" supporter e sarà individuata e pubblicizzata esclusivamente con tale nome.

LA TECNOLOGIA SATELLITARE

Gestore della tecnologia di monitoraggio satellitare è la CLS che mediante la Rete satellitare ARGOS provvede a seguire i movimenti animali ed aviari.

L‟Azienda produttrice di trasmettitori satellitari Microwave Telemetry Inc. grazie alla micronizzazione della componentistica elettronica ha prodotto trasmettitori del peso di 9,5 grammi (e recentemente prototipi anche di soli 5 grammi) ad energia fotovoltaica atti ad essere trasportati da specie aviarie di pesi intorno a 300 grammi, e prolungando di fatto anche il ciclo di vita del trasmettitore stesso alimentato con comuni batterie al litio.

Le compagnie che operano il sistema e promuovono il suo uso sono CLS/Argos Inc., con base in Tolouse (Francia) e Service Argos, una società americana sussidiaria della precedente.

Argos è un sistema basato su satelliti che raccolgono, processano e distribuiscono dati ambientali delle piattaforme da tutto pianeta. Quello che rende questo sistema unico è l'abilità localizzare la fonte dei dati in qualunque punto geografico del globo. Le molteplici applicazioni vanno dal seguito di animali, specialmente uccelli e pesci, studi oceanografici e meteorologici, monitoraggio degli inquinamenti e monitoraggi per la protezione della natura. Argos ha fornito dal 1978, un indispensabile contributo alla ricerca dell'ambiente ed alle comunità impegnate per la protezione della natura. Attualmente usato da più che trecento organismi d'una cinquantina di paesi. Il sistema è completamente provato ed è altamente affidabile.

La tecnologia di Argos è installata a bordo dei satelliti POES (Polar Orbiting Enviromental Satellites) del National Oceanic Atmospheric Administration (NOAA).

I satelliti rinviano i dati ricevuti dalle PTT's alle stazioni terrestri in tempo reale e anche li stoccano per trasmetterli a una delle tre stazioni centrali. Almeno sempre ha due satelliti operativi simultaneamente e già i lanci degli anni vicini programmato.

I satelliti POES girano in orbite polari sincrone a 850 km d'altezza, il periodo di rivoluzione è di 102 minuti.

Ogni satellite "vede„ costantemente in modo simultaneo tutti i PTT in uno spazio di 5000 km di diametro. In considerazione di orbite polari, ogni satellite passa per il poli 14 volte al giorno, mentre soltanto 6 o 7 volte per l'equatore. Il tempo medio di ricezione da una stazione è di circa 10 minuti.

Esistono tre stazioni terrestri principali :

- Wallops Island (Virginia, USA,)

- Fairbanks (Alaska, USA,)

- Lannion (Francia)

Queste tre stazioni ricevono tutti messaggi raccolti dai satelliti durante un giro all'orbita, fornisco copertura globale. Le stazioni regionali ricevono i dati proveniente dai trasmettitori PTT's in tempo quasi reale, ogni volta che il satellite si trova nella propria zona di visibilità. Le stazioni principali funzionano anche come stazioni regionali.

Questi si trovano in:

- High (Hawaii) e Monterrey in USA .

- Halifax e Edmonton in Canada.

- Toulouse, Francia.

- Città del Capo, Sudafrica.

- Tokyo, Giappone.

- Darwin e Perth in Australia (Melbourne).

- Wellington, Nuova Zelanda.

- Isola di Reunion (francese).

I centri di analisi globali (GPC) processano tutti dati ricevuti dalle stazioni di ricezione ovvero:

- controllo della qualità, compreso verifica del messaggio, livelli di segnale, identificatore del trasmettitore, lunghezza del messaggio e la frequenza ricevuta, per calcolare la posizione per mezzo d'effetto doppler.

- classificazione dei messaggi da ordine cronologico.

- calcolo della localizzazione.

- procedimento giudiziario dei dati.

- distribuzione dei dati via rete o media fisica.

- Stoccato dei dati processati.

Gli stessi vengono archiviati e resi accessibili agli utenti delle reti terrestri attraverso i centri regionali. I centri Regionali forniscono a loro volta accesso ai risultati agli utenti locali.

TRASMETTITORI PTT

I PTT sono le piattaforme che stoccano i dati che trasmetteranno al satellite. Gli stessi sono adattati per molteplici applicazioni, come anche il seguito degli uccelli migratori.

I PTT's trasmettono i pacchetti di dati periodicamente secondo gli intervalli precedentemente istituiti, senza aver bisogno di essere interrogati dal satellite. Ogni pacchetto contiene fino a 256 bit, ed ogni invio completo si trasmette in circa 96 msec. La frequenza nominale del link ascendente PTT - (uplink) satellite è di 401,65 MHz.

I dati, una volta processati, si distribuiscono agli utenti attraverso una procedura automatica d'invio dei dati attraverso la Rete Internet.

Questo servizio conosciuto come ADS (Automatic Distribution Service) consente all'utente di ricevere l'informazione senza aver bisogno d'interrogare il sistema ed automaticamente via FTP o posta elettronica. Visto che un dei mirini principali di Argos è la raccolta di dati meteorologico, ambientale e oceanografico, la possibilità distribuire i dati per mezzo della rete GTS anche esiste, una rete mondiale destinata a condividere dati climatologici e meteorologici (Global Telecommunications System).

OPERATIVITA'

Trasmissioni 48/10 (ovvero 48 ore di silenzio tempo di carica della batteria solare e 10 ore di emissioni reali durante il quale il satellite capta il segnale).

CATTURA ED EQUIPAGGIAMENTO DEGLI UCCELLI

MATERIALI E METODI

Per la cattura delle beccacce destinate ad essere equipaggiate con il PTT satellitare si necessita di una rete di cattura di formato circolare il cui diametro è di circa 1,5 m.

La stessa Rete è montata su una canna da pesca di lunghezza di circa 7 m.

Le catture vengono effettuate nottetempo a cura di personale specializzato in località prescelte previo stima di bontà e monitoraggio.

Onde evitare stress agli uccelli la manipolazione deve essere ridotta al tempo necessario per il rilievo delle informazioni relative ai dati biometrici e biologici, all'inanellamento ed all'equipaggiamento del PTT.

Al fine di evitare stress alle beccacce vengono incappucciate e maneggiate il minimo possibile.

Le operazioni di cattura ed equipaggiamento sarà effettuato da personale specializzato ed appositamente preparato.

La fase operativa del programma "SCOLOPAX OVERLAND" avrà inizio ogni anno al termine della stagione venatoria nel periodo intorno al 15 febbraio. Ciò al fine di ridurre al minimo il pericolo di perdere l'uccello monitorato e l'apparecchiatura a causa del prelievo cinegetico.

All'individuazione delle aree idonee dove potrà essere effettuata la cattura si dovrà accettarne la bontà in relazione alla tipologia del biotopo. Esempio: vigneti - praterie - seminativi - ecc.. Si procederà inoltre all'accertamento di eventuali linee elettriche per il soddisfacimento dei parametri di sicurezza considerato l'utilizzo di materiale conduttore come le canne in carbonio.

In considerazione che nel periodo pre-nuziale gli uccelli evidenziano caratteri di mobilità ed irrequietezza si produrrà lo sforzo organizzativo in relazione alle giornate di più probabile presenza e transito.

La cattura e la manipolazione sarà effettuata da personale abilitato dall'ISPRA che il comitato organizzatore provvederà ad individuare e contattare.

Le operazioni di cattura saranno effettuate nottetempo con l'ausilio di fari alogeni e retino di cattura montato su canna telescopica in carbonio.

L'intera procedura di manipolazione dell'uccello destinato all'indagine sarà limitato nei tempi allo stretto necessario per il rilievo dei dati biometrici e biologici ed all'equipaggiamento (a zainetto) della tecnologia satellitare.

Per informazioni e contatti:

  • - Alessandro Tedeschi Responsabile del Progetto, Presidente Associazione "Amici di Scolopax" e Collaboratore Ufficio Avifauna Migratoria Fidc: tel. 333 - 4252961.
  • - Ufficio Avifauna Migratoria Fidc: tel. 06 844094207 / 06 844094204




IN ALLEGATO:
I PERCORSI DELLE BECCACCE NEL  2012
IL VIAGGIO DI VENETO 1, LA BECCACCIA CATTURATA A GALZIGNANO TERME (PD) AD APRILE 2011
IO VOLO CON LEI: LE POSIZIONI DELLE BECCACCE NEL 2014
IO VOLO CON LEI: I PERCORSI DELLE BECCACCE NEL 2012
IO VOLO CON LEI: IL VIAGGIO DI VENETO 1


Federazione Italiana della Caccia
Via Salaria, 298/a - 00199 Roma - Tel / Fax 06 844094217 - Cf 97015310580 - fidc@fidc.it